Immagine
 Le foto... di Admin
BENVENUTO
Identità marchigiana, valorizzazione dell’entroterra e difesa dell’ambiente: sono queste le direttrici che i Gre delle Marche indicano come prioritarie per un lavoro che arresti la deriva della politica e delle istituzioni.
FORMAZIONE
I Gruppi di Ricerca Ecologica offrono formazione specializzata sia a distanza, sia in presenza di Tutor. Si raccolgono adesioni per la formazione di un Corpo di Guardie Volontarie ambientali.
RISORSE UTILI
In questa sezione ti suggeriamo alcuni links utili per completare le tue ricerche online sui temi che riguardano I Gre delle Marche
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 

ADRIATICO – UN MARE DI BOMBE

Proiettili all’uranio impoverito, cluster bomb, missili Tomahawk, granate al fosforo, bombe a guida laser ed addirittura siluri. Parliamo di 20 mila ordigni con caricamento speciale a base di aggressivi chimici. Ed ogni tanto, sulla battigia, da Grado a Gallipoli affiorano ordigni di ogni genere. 
Sino a una trentina di anni fa, riferisce l'Icram (Istituto per la ricerca scientifica e tecnologica applicata al mare) , la pratica corrente di smaltimento di munizionamento militare obsoleto era l'affondamento in mare. Molti residuati del secondo conflitto mondiale hanno seguito questa sorte.
Da un articolo de “la Repubblica del 13 Febbraio 2000 leggiamo:
 
“Oltre 64mila ordigni sono stati recuperati dalla Marina militare in una vasta area dell' Adriatico dal 2 settembre ' 96 ad oggi. Ma ne resterebbero più del doppio in fondo al mare. Lo ha reso noto il presidente del Consiglio Massimo D' Alema parlando nell' Università di Ancona. Il premier ha chiarito che si tratta di ordigni risalenti anche alla prima e alla Seconda guerra mondiale.”
Si tratta di bombe chimiche a base di sostanze letali come l'iprite, l'arsenico e forse anche l'uranio impoverito, che stanno devastando il patrimonio ittico e l'ambiente marino.
 
C'è un dossier dell'Icram , che rappresenta il risultato di due anni ('98-99) di indagini in mare e di campionamento ed analisi delle acque e dei pesci. L'area prescelta è il tratto di mare esteso 10 miglia nautiche che si trova a 35 miglia al largo di Molfetta.
«I fondali indagati», recita il rapporto finale del coordinatore delle indagini Ezio Amato, «costituiscono una delle quattro aree di affondamento individuate. Ma quante altre aree di affondamento ci sono in Adriatico? Impossibile saperlo: le autorità militari non forniscono informazioni, tutto giace top secret. È certo, invece, che il caricamento dei 20 mila ordigni individuati dall'Icram è costituito da aggressivi a base di iprite e composti di arsenico. In totale, sono state individuate «24 diverse sostanze costituenti il caricamento speciale; di queste, 18 sono persistenti e in grado di esercitare effetti nocivi sull'ambiente».
 
In alcuni casi l'aggressivo chimico è conservato in bidoni anch'essi adagiati sui fondali, e che, a causa della corrosione, continuano a rilasciare sostanze letali.
 
Alcune tra esse sono vescicanti (iprite e lewisite); asfissianti (fosgene e difosgene); irritanti (adamsite); tossici della funzione cellulare (ossido di carbonio e acido cianidrico). A seconda dei casi, queste sostanze provocano la distruzione delle cellule umane, attaccando occhi, pelle e apparato respiratorio; alterano la trasmissione degli stimoli nervosi. Negli organismi che ne entrano in contatto, siano esse allo stato liquido o gassoso, le sostanze provocano bruciore, edema, congiuntiviti, congestioni in naso, gola, trachea e bronchi, danni polmonari cronici e asfissia. 
Sono state scientificamente provate anche le alterazioni genetiche e le aberrazioni cromosomiche. Studi approfonditi sugli effetti sull'uomo sono stati realizzati dal professor Giorgio Assennato dell'Università di Bari, che ha condotto un'indagine su 232 pescatori pugliesi vittime di incidenti tra il 1946 e il '94. Che si verificano quasi sempre durante la pesca a strascico, tecnica che spazza i fondali imbrigliando gli ordigni nelle reti. Le conseguenze peggiori avvengono per l'esposizione agli agenti tossici, attraverso l'inalazione dei vapori e il contatto cutaneo. Quando non c'è un danno immediato agli occhi, è il sistema respiratorio ad accusare i sintomi più evidenti dell'intossicazione: «Dolore toracico, tosse, ipofonia e faringodinia», scrive nel suo studio Assennato. 
Seguono tachipnea e broncospasmo a distanza di circa 12 ore. Esposizioni gravi producono la morte per insufficienza respiratoria, polmonite e soprattutto, tumori. Questo per l'uomo.
 
Riguardo ai danni provocati nell'ambiente marino, lo studio dell'Icram è chiaro. I campioni prelevati dai ricercatori, acqua, sedimenti e pesci, «sono stati sottoposti a quattro diverse metodologie d'analisi che indicano la sussistenza di danni e rischi per gli ecosistemi marini determinati da inquinanti persistenti rilasciati dai residuati corrosi». In particolare, grazie ai confronti con esemplari della stessa specie prelevati nel Tirreno meridionale, le analisi hanno rivelato nei pesci dell'Adriatico «tracce significative di arsenico e derivati dell'iprite». Particolarmente rilevanti «le alterazioni a carico di milza e fegato». Le alterazioni epatiche più frequenti sono state la presenza di steatosi e alterazione focale della colorazione. Per quanto riguarda la milza è stato osservato un «aumento di volume, consistenza diminuita e presenza di noduli».
Altre alterazioni a carattere più sporadico sono state riscontrate a carico delle branchie con presenza di erosioni e emorragie. È stata anche riscontrata la presenza di parassiti in branchie, cavità addominale e tessuto cutaneo». Cosa significa tutto questo in linguaggio meno tecnico? «Che i pesci dell'Adriatico», spiega Ezio Amato, «sono particolarmente soggetti all'insorgenza di tumori; subiscono danni all'apparato riproduttivo; sono esposti a vere e proprie mutazioni genetiche che portano a generare esemplari mostruosi». E non basta. Non essendoci limitazioni alle attività di pesca, questi pesci continuano a finire sulle tavole dei consumatori. Con quali conseguenze per la loro salute? Studi specifici non sono mai stati fatti. «I risultati ottenuti dalla nostra indagine su un piccolo campione», avverte Amato, «sono allarmanti».
La Marina militare italiana aveva annunciato la bonifica, promessa da vari governi che si sono succeduti, mentre in Parlamento centinaia di interrogazioni attendono risposte esaurienti.
 
Ed ogni tanto, chi lavora in mare, ci rimette la vita.
L’ultimo di una lunga serie di incidenti legati all’esplosione di ordigni bellici in Adriatico è accaduto il 26 Ottobre 2006. 
Il peschereccio Rita Evelin, nuovo di zecca, affonda con mare calmo dinanzi alla costa marchigiana e tre pescatori vengono inghiottiti dal mare Adriatico. Il fascicolo di questo incidente è finito in una sottile cartellina, già impolverata come una noiosa pratica amministrativa.
I documenti riservati sono conservati, lontano da sguardi indiscreti ,negli archivi della Capitaneria portuale di San Benedetto del Tronto.
Sarà soltanto un caso, ma l’area del cosiddetto “incidente” coincide con una delle ventiquattro ampie zone in cui vengono affondate gli ordigni. Secondo il riscontro diretto da parte dei pescatori e dei relativi incidenti, non rari,  sarebbero ventiquattro le aree e non sei come dichiarato dalla Nato.
Qui sono stati abbandonati un numero non ben stimato di ordigni da velivoli dell’Alleanza atlantica nel mare Adriatico di ritorno dai bombardamenti in Kosovo nel 1999.
 
Prima ancora in Bosnia Herzegovina nel 1994-’95.
Ma è soprattutto nel basso Adriatico che si registra la maggiore concentrazione di ordigni bellici. Soltanto a Molfetta, in un raggio di 500 metri dalla riva di Torre Gavettone (100 metri dalle abitazioni), «i sub della Marina militare ne hanno catalogati 110.000.
Mentre nel porto e nelle sue immediate adiacenze ce ne sono un numero imprecisato», rivelano un ufficiale e un sottufficiale. Il 22 settembre 2004, in un’interrogazione parlamentare del senatore Ds Franco Danieli al presidente del Consiglio dei ministri, si menziona la presenza in Adriatico oltre che di «residuati chimici della seconda guerra mondiale di produzione Usa», proibiti dalla Convenzione di Ginevra del 1925, soprattutto di « bombe a grappolo del tipo Blu-27 e proiettili all’uranio impoverito ». I premier di uno e dell’altro schieramento che si sono susseguiti nel tempo, non hanno mai risposto. Il senatore Danieli con tanto di prove fa riferimento anche al fatto che « ancora oggi, in alcune zone, oltre le 12 miglia marine (ad esempio al largo di Fasano in Puglia e Cupra al largo di Cupramarittima nelle Marche) vengono rilasciate in mare bombe o serbatoi ausiliari da aerei militari italiani in emergenza ». Il 25 maggio 1999, la poco nota deliberazione 239 del Consiglio regionale delle Marche prendeva atto che  « in questo ultimo periodo è continuato lo sganciamento di bombe da parte di aerei Nato nell’Adriatico, anche a ridosso della costa marchigiana ».
Altro affondamento tra le Marche e l’Abruzzo di un altro peschereccio, il Vito Padre, avvenuto il 30 Maggio (due le vittime) mentre il 17 dicembre 2006, i flutti hanno sommerso il Maria Cristina provocando la morte di un lavoratore del mare. Come se non bastasse l’Adriatico è stato anche teatro di giochi di guerra della Nato. A farne le spese cinque pescatori italiani, i primi 4 risultano ancora abbandonati in fondo al mare, il quinto venne a galla subito dopo l’incidente.
 
La notte del 4 novembre 1994 ad affondare il peschereccio "Francesco Padre" di Molfetta nelle acque internazionali di fronte alla Puglia, è stato un ordigno bellico targato Nato.
 
Lo provano un’esercitazione dell’Alleanza Atlantica dagli esiti secretati, una perizia chimica, quattro relazioni tecniche. L’ispezione, filmata con un "Rov" (Remotely Operated Vehicle, minisommergibili filoguidati che possono scendere ad alte profondit) a 243 metri di profondità, mostra oltre ai cadaveri, un relitto integro, se non per uno squarcio a poppa via sinistra, provocato da un vettore esplosivo esterno.
 
Sulla vicenda tuttora pesa il più ferreo segreto di Stato, imposto dall’Autorità nazionale per la sicurezza. Il bollettino di guerra prosegue con 30 bombe non a grappolo ripescate a fine Febbraio nel golfo di Venezia. Ma nel medio e basso Adriatico i piloti Nato hanno avuto pochi scrupoli. Tra Pesaro e Ancona, nei paraggi delle piattaforme metanifere, dalle quali il gas raggiunge la raffineria Api di Falconara, si sono liberati di «tre ordigni a grappolo e di una decina di bombe a guida laser, lunghe quasi tre metri e mezzo e pesanti una tonnellata», precisano i dati delle Capitanerie di porto marchigiane. Mentre nella “Montagna del Sole”, a Rodi Garganico, San Menaio e Calenella, sono approdate tre bombe al fosforo di fabbricazione americana.
 
In situazioni d’emergenza i bombardieri alleati avrebbero dovuto gettarle per sicurezza ad almeno 70 miglia dalla costa, nelle cosiddette jettison areas. Invece un ordigno con la scritta “U.S. 97” è affiorato recentemente nella laguna di Marano, ad appena 6 miglia dalle foci del Tagliamento, fra Grado e Lignano Sabbiadoro.
 
Ad attestare la presenza di ordigni, all’uranio impoverito e non, sono le mappe e le coordinate della Nato, nonché i dati secretati dalla nostra Marina militare.
 
Se circa un terzo dei siti di scarico sono concentrati in Puglia, a Nord sono il Golfo di Trieste e la laguna di Venezia i principali bersagli di affondamento per i velivoli Nato a capacità di bombardamento nucleare, compresi i Tornado dell’Aeronautica italiana, stanziati ad Aviano e Ghedi. Ed ancora da un articolo pubblicato sul “ corriere.it ” il 17 Maggio 1999 leggiamo: "Purtroppo la Nato non ha rispettato la sovranità - ribadisce il sindaco di Ancona Galeazzi - infischiandosene che in questo tratto di mare viaggino un milione di persone e 150 mila Tir, che Ancona possegga la più grande flottiglia da pesca dell' Adriatico con 800 pescatori e 200 natanti.
 
D' altra parte questo della Nato sembra un vizietto: il 12 aprile due ufficiali medici Usa hanno effettuato un sopralluogo all' ospedale regionale delle Torrette, per verificare le potenzialità di assistenza in vista di un eventuale attacco terrestre; e il 19 aprile sempre ufficiali americani hanno ispezionato il porto in vista del suo utilizzo per il trasbordo di mezzi da guerra sull' altra sponda.
 
In tutti i due casi hanno tenuto all' oscuro sia me, sia, perfino, il sottosegretario alla difesa, anconetano, Paolo Guerini". La Convenzione di Barcellona, dal 1995, non consente la discarica definitiva a mare, nel Mediterraneo, di materiali che possono costituire pericolo per l’ambiente marino, per l’attività di pesca e per la navigazione e quindi l’abbandono definitivo di bombe o materiale esplosivo.
 
Rilasci di tali materiali, accidentali o motivati da condizioni di emergenza o da incidenti, devono comportare azioni di recupero, messa in sicurezza e bonifica delle aree interessate con verifica dei danni e conseguente azione di risanamento. “Dietro la reticenza c’è la logica di guerra, che tende sempre a nascondere gli effetti, le conseguenze che popolazioni e territori sono costretti a pagare”, così Elettra Deiana, vicepresidente della Commissione difesa alla Camera e componente della delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare dell’Alleanza Atlantica.
 
E’ notizia recente l’acquisto di 131 cacciabombardieri F35 che impegnerà il nostro paese fino al 2026 con una spesa di quasi 14 miliardi di euro. Chissà com’è che non si mette mai in bilancio un corrispettivo adeguato per riparare i danni provocati. Dunque il vizietto di gettare a mare scorie nocive ed onerose da smaltire con troppa leggerezza và avanti da diversi decenni ormai perpetrando l’omertà ed il silenzio di chi sa ma non dice.
 
Forti poi del fatto che i problemi si presenteranno alle prossime generazioni, viene instillata una logica consumistica e fredda di vilipendio della natura come discarica e magazzino a basso costo. Ma se è vero, come è stato ormai accertato, che l’uomo si inserisce in un modello olistico universale, dovremmo essere molto cauti nel compiere scelte simili. Con quale arroganza presenteremo una natura depauperata e scarna a chi verrà dopo di noi.
 
 
E fino a che punto atti criminali del genere rimarranno senza colpevoli?
 
La natura, dal canto suo,  si è dimostrata comprensiva e fin troppo generosa verso colui che si è limitato ad usufruirne a proprio piacimento. E’ tempo che l’uomo espanda la propria coscienza e comprenda ciò che lo circonda se vuole continuare ad esserne custode e parte integrante.
 
Alessandro Neri
Comitato Tecnico Scientifico
I Gre delle Marche
 
 
Di Admin (del 13/05/2012 @ 18:39:10, in News, linkato 1453 volte)

TRASCRIZIONE  INTEGRALE  DELLA INTERVISTA DEL 22 LUGLIO 2011 SU RADIO ARANCIA AL PRESIDENTE SPACCA SULL’ELETTRODOTTO FANO-TERAMO

 
-Domanda:  Il famoso elettrodotto Fano- Teramo. Direi di fare subito un piccolo cappello all’argomento  
 
- Spacca: L’elettrodotto è un progetto che è stato presentato nel 2002 in Regione e bisogna fare una premessa: era un progetto che si fondava su una esigenza, una esigenza di dotare tutta l’Italia dell’energia necessaria per il suo sviluppo,  perché che accadeva in quel periodo, che noi acquistavamo l’energia dai Paesi attorno a noi che la producevano attraverso le centrali nucleari e dal contorno, dalle Alpi,  questa energia transitava progressivamente verso  il Mezzogiorno. 
 Essendoci dei difetti di distribuzione succedeva che l’energia veniva pagata, e qui ho dati molto precisi su questo, 82 euro a MW per ora  in Lombardia,   nelle Marche il costo non era molto differente, perché  era euro 82,5 euro per MW, ma lei andava in Sicilia e la trovava, quella energia, a 156 euro  per MW,  cioè il doppio di quella  pagata. 
 
-Giornalista: quindi una grossa sperequazione…
 
- Spacca:  Una penalizzazione fortissima nei confronti delle regioni del Mezzogiorno,  che vedevano accrescere il costo dell’energia 92, 98  fino alle156 euro della Sicilia.
Quindi era una richiesta nazionale, di solidarietà nazionale, di fare un elettrodotto  che attraversasse l’Italia e portasse questa energia prodotta dalle centrali  nucleari intorno al Paese verso il Mezzogiorno perché potesse svilupparsi. Adesso le cose sono molto cambiate però, nel senso che  l’avvento di nuove tecnologie, soprattutto il discorso europeo di Europa 20 20,   risparmio energetico, produzioni di energie rinnovabili sta dotando ogni territorio di una capacità di produzione autonoma e progressivamente sempre più elevata anche se ancora non si riesce a supplire all’ acquisto di energia prodotta all’esterno dell’Italia completamente.
 
- Giornalista: scusi la interrompo: nella presentazione che ha fatto Terna, ha comunque  detto: noi abbiamo  fatto uno scenario dove in un futuro ci sarà una maggiore richiesta anche da parte delle Marche di energia elettrica, non va proprio nella direzione di quello che mi sta dicendo lei…
 
-Spacca: sì, perché le Marche sono una delle  regioni più industriali di Italia che stanno sviluppando,  stanno crescendo pur nelle difficoltà di questo momento economico, con grande forza. Complessivamente tutta la comunità e non soltanto l’economia industriale va verso l’utilizzo di una maggiore quantità di energia, e noi ne abbiamo bisogno sempre di più,  quindi anche se siamo arrivati a produrre 480 MW di energia fotovoltaico, da pannelli fotovoltaici, che è pari a una centrale turbogas che è tantissimo comunque abbiamo  bisogno di energia.
Però ci sono nuove forme di organizzazione di sistemi energetici, di distribuzione energetica, le cosiddette tecnologie grid,  a rete,  che  possono consentire di valutare meglio rispetto al 2002 l’impatto di un elettrodotto ad alta tensione di così grande portata.  Parte che stiamo analizzando ..
 
- Giornalista: Lei mi sta dicendo, mi fa comprendere  che forse c’è uno spiraglio  che può essere utile ma può essere anche sostituibile, questo progetto.
 
- Spacca: ma per lo meno può essere valutato con una prospettiva differente da quella del  2002-2005, quando le condizioni erano quelle soprattutto legate alla produzione di centrali di energia nucleare.
- Giornalista: quindi la interrompo, per essere più precisi: possiamo dire che questo carattere di perentorietà della decisione non esiste, in questo momento? 
 
- Spacca: Beh, sicuramente noi abbiamo più capacità contrattuale rispetto al bisogno di un Paese così come ci veniva presentato nel 2002-2005; abbiamo la possibilità di discutere con Terna sulle caratteristiche di questo elettrodotto, sulle possibilità di un suo  interramento  molto maggiore di quello che fino ad oggi la società non ha previsto, abbiamo la possibilità di fare delle valutazioni molto più approfondite in termini proprio di logistica dell’elettrodotto, abbiamo la possibilità di richiedere le compensazioni per i cittadini e per le comunità, abbiamo la possibilità di valutare il progetto con una attenzione ulteriore rispetto a una fase che ancora, non lo dimentichiamo, è una fase di progetto preliminare.
 
-Giornalista: Allora, io, proprio per interpretare tutte le domande che ci sono arrivate in redazione, la giunta e lei personalmente siete ben consapevoli che comunque può essere un’opera necessaria  ma può essere anche sostituibile da  altre  tecnologie (perché ce l’hanno chiesto, questo), ma sapete anche perfettamente che anche può avere un impatto sul paesaggio.
 
-Spacca: Assolutamente sì, abbiamo fatto del paesaggio il principale asset delle Marche del futuro…
 
-Giornalista: Ecco, non è che non ne siete a conoscenza,  lo dico presidente per le domande  che ci fanno… Voi siete a  conoscenza che l’elettrodotto ha un forte impatto sul territorio e siete anche a conoscenza che da dei problemi per quanto riguarda la salute, sul  discorso dei campi elettromagnetici.
 
-Spacca: Infatti il progetto quando passerà dalla sua fase preliminare alla fase diciamo più tecnica dovrà essere valutato sicuramente su questi aspetti, su tutti questi aspetti che riguardano la sicurezza dei cittadini da ogni punto di vista,  dal punto di vista innanzitutto della salute,   però i problemi non sono mai bianchi o neri, non è possibile mai  arrivare a una decisione tutta di un tipo o tutto di una altra nel senso che sia favorevole o contraria, bisogna sempre trovare un equilibrio rispetto alle esigenze di sviluppo e di dotazione di energia che la nostra comunità, ma in questo caso soprattutto nel nostro Paese,  perché non è giusto che in Sicilia l’energia costi 156 euro  a MW orario e quindi bisogna trovare delle soluzioni che siano  in qualche modo in linea anche con quelle che sono le politiche europee. 
Quindi, Siamo in una fase di valutazione molto attenta e la stiamo facendo in accordo con le comunità locali, ascoltando anche il parere dei Sindaci e dei Comuni che ne sono coinvolti, cercando un  dialogo con loro, quando naturalmente questo non è ispirato a principi di assoluta pregiudizialità, nel senso che se si dice noi non lo vogliamo punto e basta,  allora a quel punto lì non è possibile superare la necessità della riflessione.
 
-Giornalista: non a caso si parla di sviluppo sostenibile … Le faccio l’ultima domanda  e quella che forse ritengo più cattivella: perché i cittadini sono venuti a conoscenza solo ora del progetto, quando il protocollo di intesa tra la Regione e Terna risale al 2005? 
 
-Spacca: Ma il progetto è del 2002 quindi sono passati dieci anni, di questo se ne è parlato in mille occasioni, ci sono stati anche dei seminari e dei  convegni di riflessione  con i Comuni,  tutti i Comuni hanno già espresso in prima battuta le loro valutazioni, hanno una posizione abbastanza chiara sull’argomento, per lo meno consapevole, quindi i giornali ne hanno parlato più volte, più volte  questo argomento è stato oggetto di special anche sui quotidiani marchigiani, quindi il problema è che i comitati viaggiano in modo molto emotivo e si accendono e si spengono,  in questo ultimo  periodo di tempo per la verità si accendono  con maggiore rapidità di quanto non sia lo sviluppo di una riflessione razionale. 
    
-Giornalista: Presidente, la ringrazio.
 
 
Nell’anno 2012 che senso ha prevedere a Montorso di Loreto, vicino a quella spianata nota alla gran parte degli italiani come la “spianata del Papa”, in un comune che non ha bisogni abitativi... ...una nuova lottizzazione di circa 30.000 metri cubi in una area prevista a tutela marina integrale ai sensi degli artt. 31 e 32 delle norme tecniche di attuazione del Piano Paesistico Ambientale Regionale fatte proprie dal PRG, nell’area della ex fornace Hoffmann, riconosciuto esempio di archeologia industriale?
 
Questa è la domanda che si sono poste le sette principali associazioni ambientaliste delle Marche (a cui si è aggiunta anche la Polis Nova di Recanati) che le ha portate a richiedere per iscritto:
 
- al Comune di Loreto di porre fine alla cementificazione del territorio di Montorso (dove, ultima notizia, è previsto anche l'arrivo di un McDonald's proprio in località Pizzardeto) rinunciando alla lottizzazione e pensando ad un effettivo intervento di recupero conservativo della fornace con l’essiccatoio ed i suoi edifici storici, per un uso compatibile
 
- alla Provincia di Ancona ed alla Regione Marche di verificare che la bonifica ambientale del 2007 in quei luoghi sia stata fatta nel pieno rispetto della L. 152/2006 e di esigere una VAS anche per tutte le modifiche urbanistiche portate avanti dal 2008 in poi nell'area di Montorso negando la necessaria autorizzazione idrogeologica.
 
Come si può ignorare che una area di tutela marina integrale venga trasformata in area di edilizia residenziale per oltre 30.000 metri cubi di cemento senza valutare le conseguenze sull'ambiente
 
- alla Soprintendenza ai Beni Paesaggistici ed Architettonici ed alla Direzione Regionale Marche del Ministero per i Beni Culturali, di voler intervenire con un vincolo specifico sulla fornace Hoffmann e di negare la autorizzazione paesaggistica su una area che aveva ed ha tutt'altra vocazione, come rilevabile dal Piano Paesistico Ambientale Regionale e dal Piano Regolatore Generale, versione anno 2006
 

- Al Corpo Forestale dello Stato di tutelare il bosco attualmente esistente nell'area ed evitarne la brutale l'eliminazione in favore della

assurda cementificazione. 

da: http://www.vivereosimo.it/index.php?page=articolo&articolo_id=349625

 

 

 
Di Admin (del 23/04/2012 @ 17:58:18, in News, linkato 2622 volte)
Montignano di Senigallia, 22 aprile 2012
 
Nel primo pomeriggio quello che tutti i volontari de "I Gre delle Marche" e del "Centro Falconeria Equitazione Etologica" speravano si è verificato.
 
Nel cielo, coperto dalle nuvole, uno stormo di diciassette cicogne si è presentato sui campi che circondano la sede dell'associazione.
 
Il sempre vigile Gianni Papa, questa volta ha battuto sul tempo l'inossidabile Giulietto Giulivi, autore delle fotografie nelle due precedenti visite: il 30 marzo e il 7 aprile.
 
Con questo di oggi sono ben quattro le ricognizioni delle cicogne sul sito che presto sarà in grado di ospitarle. 
Di una non abbiamo la documentazione fotografica ma la testimonianza di Andrea Luzi, responsabile del Centro di Falconeria.
 
Intanto si apprestano i lavori per la realizzazione dello stagno e di altri posatoi per nidificazione. 
 
Si attendono, inoltre, le risposte di alcune aziende interpellate per la sponsorizzazione. Una di queste, una casa cinematografica, potrebbe anche decidere di girarci un cartone animato che servirà poi, anche, per la divulgazione nelle scuole, della vita di questi splendidi uccelli.
 
Godiamoci, per ora, le immagini di questo evento straordinario che dimostra come la zona sia idonea per ospitare le cicogne.
 
Questa volta non si sono fermate, pensiamo, sia per le condizioni meteo, sia perché lo spazio non è ancora allestito a dovere e per un numero così elevato non consentiva una sosta. Lavoreremo affinché possano non solo sostare ma decidere di ... prendere la residenza. Grazie anche a coloro che continueranno ad aiutarci ed a coloro che decideranno di farlo. Grande cosa, questa.
 
Massimo Guido Conte
foto di Gianni Papa
 
Di Admin (del 14/04/2012 @ 18:24:25, in News, linkato 1358 volte)

  ‎"Pasqualina super star" diventa un libro che racconta tutta la vicenda. Con le foto di Giulietto Giulivi. Per prenotazioni - e sponsorizzazioni - scrivere a info@igredellemarche.org 

 

 Non ne sappiamo moltodi più ma il video pare promettere un carburante sicuro, di ottimo rendimento, emissioni pari allo zero ed assolutamente non nocive, infinito ...

<iframe width="420" height="315" src="http://www.youtube.com/embed/3cXf5Dsp2ls" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>

 
Di Admin (del 14/10/2011 @ 13:12:34, in News, linkato 2093 volte)

Importante novità nel trattamento delle acque reflue, dal sito http://www.edilia2000.it/index_6-45-678,351.html abbiamo prese queste informazioni che, volentieri, divulghiamo.

I DISOLEATORI STATICI A COALESCENZA "GAZEBO" monoblocco prefabbricati in C.A.V. vengono realizzati con calcestruzzo confezionato con CEMENTO PORTLAND tipo I 52,5R conforme norma UNI 197-1 avente ALTA RESISTENZA ai SOLFATI (ARS) conforme norma UNI 9156, FIBRORINFORZATO con fibre sintetiche antifessurazione conformi norma UNI 14889-2, avente resistenza a compressione C40/50 (Rck ≥ 500 Kg./cmq.), classi di esposizione XC4, XS2/XD2, XF3, XA2 conformi norma UNI 206-1, dotata di armature interne d’acciaio ad aderenza migliorata tipo B450C controllate in stabilimento, il tutto conforme D.M. 14.01.2008.

 
Nello specifico questi disoleatori sono dotati di tubazioni interne e relativi raccordi in PVC, setti interni in c.a.v. e sono completi di sfioratore oli galleggianti, comparto oli separati e dispositivo di chiusura automatica ad otturatore a galleggiante in acciaio INOX AISI 304 tarato per liquidi leggeri con filtro a coalescenza asportabile in poliuretano espanso a celle aperte.
 
MARCATURA CE
secondo le disposizioni della norma UNI EN 858.
 
CICLO TECNOLOGICO:
Il trattamento di separazione statica consente di ottenere, per gravità, la sedimentazione e la disoleazione delle particelle sospese di peso specifico differente da quello dell'acqua. È una delle operazioni più diffusamente utilizzate nel trattamento delle acque reflue per ottenere un effluente chiarificato. Per un ulteriore affinamento la massa liquida viene fatta defluire attraverso uno speciale filtro adsorbente a coalescenza, utile al trattenimento di quelle piccole tracce di grassi ed oli eventualmente presenti e sfuggite nelle prime fasi di trattamento.
 
Le sostanze oleose separate vengono raccolte nel comparto interno di accumulo oli. Per una sicura ritenzione delle sostanze oleose sulla tubazione di uscita è inserito un dispositivo di chiusura automatica che, attivato da un determinato livello di liquido leggero accumulato in superficie, chiude lo scarico impedendo la fuoriuscita dell'olio.
 
DESTINATARI:
Aziende, enti pubblici e privati.
 
CAMPI DI IMPIEGO:
officine meccaniche, piazzole lavaggio saltuario automezzi, demolitori, stazioni di rifornimento carburanti e comunque in tutte quelle lavorazioni nelle quali vengono utilizzate sostanze oleose (liquidi leggeri).
 
ACCESSORI:
Rivestimenti specifici superfici interne ed esterne vasca, coperture pedonali/carrabili, chiusini in ghisa sferoidale, sistema automatico rilevamento livello max. oli
 
Di Admin (del 06/09/2011 @ 11:05:18, in News, linkato 1242 volte)

Un emendamento del senatore Fleres ha salvato il sistema di tracciabilità dei rifiuti sul territorio che pareva essere stato fatto secco dalle manovre precedenti. 

Il ministro per l’Ambiente è visibilmente contento: il SISTRI pare riesumato e sarà operativo dai primi del febbraio prossimo.
Il comunicato dal sito del MinAmbiente cita testualmente:
 
"Un plauso particolare va rivolto al sen. Salvo Fleres, autore dell’emendamento, che con intelligenza e tenacia ha lavorato con successo ad una soluzione positiva, un plauso che va esteso a tutti i componenti della Commissione e tutte le forze politiche per la sensibilità, l’attenzione ed il senso di responsabilità dimostrato in questo delicato passaggio. Sono convinta che, con l’opportuno rodaggio previsto e con gli interventi che si renderanno necessari per andare incontro agli operatori, il Sistri partirà al meglio e si rivelerà un utilissimo strumento per le aziende e per la protezione del territorio."
 
Tutti contenti quindi? Manco per niente. Le aziende interessate scalpitano e siamo sicuri che da qui al febbraio 2012 si daranno da fare per porre rimedio a quella che pare proprio una bella idea, più che necessaria concepita con i piedi. 
Abbastanza fastidiosa anche perché non applicabile ai trasportatori dall’estero come a dire: "è proprio di noi che non ci fidiamo", e  così l’intero onere resta un'esclusiva della rete italiana creando non pochi malumori anche se - nella sostanza - è proprio il modo in cui il Sistri è stato concepito che viene contestato con appelli rivolti tanto alla Lega, quanto a Beppe Grillo.
 
 
Alcuni commenti:
Cataldo; commento al sito del TgCom:
"Chi ha poco poco dimestichezza con progetti di informatizzazione capisce alla prima pagina che chi lo ha realizzato non ne sa granchè. E non parliamo, per carità di patria, dell’help. Non si sa dove andare a reperire le informazioni di cui si ha bisogno. Difficile da interpretare e difficoltosa la navigazione. La prima regola dell’informatizzazione è quella di non ricalcare il flusso delle procedure cartacee precedenti. Ebbene quello che è stato realizzato è stato il copiare e utilizzare il computer come mera macchina da scrivere. Ma almeno si fosse abolito il cartaceo! Manco quello! Che senso ha avere la chiavetta e poi i dati anche sul profilo nel web.n per poi continuare a conservare le carte per cinque anni! Assurdo!"
 
Ma il sistema è necessario alla tracciabilità dei rifiuti?
 
Dallo stesso sito Michele risponde:
"Ben venga un nuovo sistema di tracciabilità, ma se questo deve paralizzare e appesantire in modo non sostenibile l’operatività delle imprese del settore, non credi che possiamo avere il diritto di dirlo? O siamo tutti sporchi padroni ecomafiosi ed evasori, come qualcuno ci sta dipingendo? Il Sistri è una vergogna tutta italiana."
 
Qualcosa di storto ci dev'essere se è previsto persino un indennizzo per gli operatori gravati da questa ulteriore incombenza ma che non consola affatto i chiamati in causa tanto che dichiarano che ci rinuncerebbero volentieri pur di vederne migliorata la formula.
Staremo a vedere, intanto ribadiamo l'opportunità di un sistema di controllo ma anche la necessità di non gravare ulteriormente sulle attività delle aziende italiane già oberate dalla burocrazia imperante nel paese.
Visitiamo assieme il sito dedicato e proviamo a farcene un'idea: http://www.sistri.it/ 
 
Di Admin (del 02/09/2011 @ 10:46:19, in News, linkato 930 volte)

 Un anno fa veniva ammazzato Angelo Vassallo e gli assassini non sono ancora stati individuati.

Mercoledì 7 alla Festa Nazionale del PD di Pesaro un incontro a lui dedicato. Oggi un articolo su Europa...

http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/129017/voler_bene_al_paese_come_angelo

 
Di Admin (del 02/08/2011 @ 19:21:36, in News, linkato 1147 volte)
Parco sud MilanoScopri come partecipare...
 
Sei creativo? Ti stanno a cuore temi quali lo sviluppo sostenibile, il recupero delle tradizioni, la riscoperta del patrimonio rurale, la rivalorizzazione dell'agricoltura locale? Partecipa anche tu al concorso per l'ideazione e la progettazione della campagna pubblicitaria per il progetto “Strada del Latte e dei Formaggi del Parco Agricolo Sud Milano”, lanciato dal FAI nell'ambito dei progetti per EXPO2015.
 
Si aprono oggi le adesioni al concorso volto a valorizzare il progetto la “Strada del Latte e dei Formaggi del Parco Agricolo Sud Milano” promosso dal FAI in collaborazione con Expo 2015 S.p.A. e CIA Lombardia - Confederazione Italiana Agricoltori. Per partecipare è necessario ideare e sviluppare una proposta creativa atta a comunicare i concetti chiave dell'iniziativa. In particolare, ai partecipanti viene richiesto di individuare un nome forte e memorabile per l'evento e un'idea creativa innovativa declinabile sul mezzo affissione e su altri materiali promozionali (dalla campagna stampa alle locandine, dal Web al merchandising).
 
L'elaborato sarà considerato completo e selezionato da una giuria di esperti solo se sarà composto almeno dalla proposta di nome e di manifesto. Ma siamo certi che la creatività non ha confini e che riceveremo dei veri e propri pacchetti di comunicazione integrata a 360°.
 
Con la collaborazione ed il supporto di CIA Lombardia, EXPO 2015, Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano.
 
Si ringraziano per il generoso contributo Agriventure, e Granarolo e Grana Padano.
 
Se desideri partecipare, puoi scaricare il bando del concorso, e i relativi modello di domanda e allegato I, che spiega in maniera dettagliata le modalità di partecipazione.
 
Per informazioni: 
Maria Grazia Greco 
m.greco@fondoambiente.it
 
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Cerca ne "I Gre delle Marche"

Cerca per parola chiave
 
 

AREE TEMATICHE

Biologia Marina (3)
Cereali - Centro Ricerche Alimentari (4)
chi siamo (3)
I Gre delle Marche (3)
il Borgo della Canapa (4)
la Città della Canapa (18)
le Cicogne le portano i bambini (5)
le DeCo Virtuose (2)
News (119)
Statuto (1)

Ultimi commenti:
link del video di Pa...
13/04/2012 @ 05:46:49
Di Massimo
COMUNICATO STAMPA CO...
09/10/2010 @ 07:43:24
Di maurizio claroni
... se è per questo,...
08/02/2010 @ 19:13:22
Di Massimo
 
Pubblicazione
Google+ Gruppi Ricerca Ecologica Marche

Visualizzazione ingrandita della mappa href="https://www.facebook.com/I.Gre.delle.Marche" target="_TOP" title="Gruppi Ricerca Ecologica Marche">




I Gre delle Marche

Promuovi anche tu la tua pagina
Condividi
"L'utopia¨e' come l'orizzonte: cammino due passi, e si allontana di due passi.
Cammino dieci passi, e si allontana di dieci passi.
L'orizzonte e' irraggiungibile.
E allora, a cosa serve l'utopia?
A questo, serve per continuare a camminare.
(Eduardo Galeano)

I Gre delle Marche on Facebook



 

Sondaggio

Hai mai assaggiato prodotti a base di Canapa?

 No, mai. Non conosco alimenti a base di Canapa
 No, ma ne ho sentito parlare. Non mi interessano
 No, alla prima occasione sicuramente li assaggerò
 Sì, una volta ma non ho gradito
 Sì, mi sono piaciuti e appena possibile ripeterò l'esperienza
 Sì, Li ho trovati buoni e talvolta li acquisto
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente l'olio di semi di Canapa
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente le farine con cui preparo pane, pasta, dolci
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente i semi di Canapa decorticati
 

Link

il Borgo della Canapa: Agricoltori Artigiani e commercianti di prodotti di Canapa.

http://www.lacittadellacanapa.org/ Artic Dreams cerca uomini per un viaggio pericoloso.

Gruppi di Ricerca Ecologica. Il sito dell'Associazione nazionale.

href="http://www.geologitalia.com/"target="_blank">GeologItalia è una libera iniziativa editoriale nata dall'idea di alcuni professionisti italiani. http://www.lacittadellacanapa.org/

 

Fotografie

Agricoltura (1)
cicogne (12)

Le fotografie più cliccate
 
 
I Gre delle Marche: Sezione marchigiana dei "Gruppi di Ricerca Ecologica" - Associazione ambientalista a carattere nazionale, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente, ai sensi dell'art.13 della Legge n. 349/86.
powered by dBlog CMS ® Open Source - Credits Design - Admin