\\ Home Page : Articolo : Stampa
Sistri: Prestigiacomo plaude ma le aziende preparano le barricate
Di Admin (del 06/09/2011 @ 11:05:18, in News, linkato 1310 volte)

Un emendamento del senatore Fleres ha salvato il sistema di tracciabilità dei rifiuti sul territorio che pareva essere stato fatto secco dalle manovre precedenti. 

Il ministro per l’Ambiente è visibilmente contento: il SISTRI pare riesumato e sarà operativo dai primi del febbraio prossimo.
Il comunicato dal sito del MinAmbiente cita testualmente:
 
"Un plauso particolare va rivolto al sen. Salvo Fleres, autore dell’emendamento, che con intelligenza e tenacia ha lavorato con successo ad una soluzione positiva, un plauso che va esteso a tutti i componenti della Commissione e tutte le forze politiche per la sensibilità, l’attenzione ed il senso di responsabilità dimostrato in questo delicato passaggio. Sono convinta che, con l’opportuno rodaggio previsto e con gli interventi che si renderanno necessari per andare incontro agli operatori, il Sistri partirà al meglio e si rivelerà un utilissimo strumento per le aziende e per la protezione del territorio."
 
Tutti contenti quindi? Manco per niente. Le aziende interessate scalpitano e siamo sicuri che da qui al febbraio 2012 si daranno da fare per porre rimedio a quella che pare proprio una bella idea, più che necessaria concepita con i piedi. 
Abbastanza fastidiosa anche perché non applicabile ai trasportatori dall’estero come a dire: "è proprio di noi che non ci fidiamo", e  così l’intero onere resta un'esclusiva della rete italiana creando non pochi malumori anche se - nella sostanza - è proprio il modo in cui il Sistri è stato concepito che viene contestato con appelli rivolti tanto alla Lega, quanto a Beppe Grillo.
 
 
Alcuni commenti:
Cataldo; commento al sito del TgCom:
"Chi ha poco poco dimestichezza con progetti di informatizzazione capisce alla prima pagina che chi lo ha realizzato non ne sa granchè. E non parliamo, per carità di patria, dell’help. Non si sa dove andare a reperire le informazioni di cui si ha bisogno. Difficile da interpretare e difficoltosa la navigazione. La prima regola dell’informatizzazione è quella di non ricalcare il flusso delle procedure cartacee precedenti. Ebbene quello che è stato realizzato è stato il copiare e utilizzare il computer come mera macchina da scrivere. Ma almeno si fosse abolito il cartaceo! Manco quello! Che senso ha avere la chiavetta e poi i dati anche sul profilo nel web.n per poi continuare a conservare le carte per cinque anni! Assurdo!"
 
Ma il sistema è necessario alla tracciabilità dei rifiuti?
 
Dallo stesso sito Michele risponde:
"Ben venga un nuovo sistema di tracciabilità, ma se questo deve paralizzare e appesantire in modo non sostenibile l’operatività delle imprese del settore, non credi che possiamo avere il diritto di dirlo? O siamo tutti sporchi padroni ecomafiosi ed evasori, come qualcuno ci sta dipingendo? Il Sistri è una vergogna tutta italiana."
 
Qualcosa di storto ci dev'essere se è previsto persino un indennizzo per gli operatori gravati da questa ulteriore incombenza ma che non consola affatto i chiamati in causa tanto che dichiarano che ci rinuncerebbero volentieri pur di vederne migliorata la formula.
Staremo a vedere, intanto ribadiamo l'opportunità di un sistema di controllo ma anche la necessità di non gravare ulteriormente sulle attività delle aziende italiane già oberate dalla burocrazia imperante nel paese.
Visitiamo assieme il sito dedicato e proviamo a farcene un'idea: http://www.sistri.it/