Immagine
 Le foto... di Admin
BENVENUTO
Identità marchigiana, valorizzazione dell’entroterra e difesa dell’ambiente: sono queste le direttrici che i Gre delle Marche indicano come prioritarie per un lavoro che arresti la deriva della politica e delle istituzioni.
FORMAZIONE
I Gruppi di Ricerca Ecologica offrono formazione specializzata sia a distanza, sia in presenza di Tutor. Si raccolgono adesioni per la formazione di un Corpo di Guardie Volontarie ambientali.
RISORSE UTILI
In questa sezione ti suggeriamo alcuni links utili per completare le tue ricerche online sui temi che riguardano I Gre delle Marche
 
\\ Home Page : Articolo
Paradiso pericoloso: per un giornalista l’Adriatico è inquinato dai rifiuti NATO
Di Admin (del 16/02/2011 @ 20:25:04, in News, linkato 1474 volte)

Spiagge di sabbia, mare dolce e affascinanti porticcioli turistici: la costa adriatica in Italia può essere descritta come un paradiso per gli amanti del mare. Tuttavia, pochi sono consapevoli del fatto che tonnellate di rifiuti tossici smaltiti dalla NATO vengono accatastati sotto la sua sfavillante superficie. Secondo il giornalista investigativo Gianni Lannes, gli spruzzi d’acqua che si frangono sulla costa della regione meridionale italiana della Puglia nascondono pericoli reali. 

‘Una quantità enorme di armi e rifiuti tossici è presente in queste acque: le bombe americane degli anni ’40, e le armi utilizzate dalla NATO nella guerra del 1999 contro la Serbia, tra cui munizioni all’uranio impoverito “, ha detto. “Queste armi contengono spesso sostanze tossiche, come lo zolfo, “gas mostarda” e fosforo.

I pescatori locali dicono che la presenza di armi della NATO sta seriamente avvelenando le loro vite, e costituisce una minaccia per l’ecosistema locale.

“Ci sono aree in cui queste bombe s’impigliano nelle nostre reti “, ha detto un pescatore locale, Vitantonio Tedeschi. “Cerchiamo di evitarle.”

“Dopo la guerra, nel 1999, i pesci sono praticamente scomparsi dalle nostre acque territoriali”, ha aggiunto. “I prodotti chimici hanno rovinato la nostra salute, anche provocando eruzioni cutanee, visione offuscata e così via.”

I pescatori hanno dovuto abbandonare il lavoro a causa della scarsità di pesce.

La cooperativa di pesca nella cittadina balneare di Molfetta, che una volta era composta da quasi 200 soci, ora ne ha solo cinque.

Sebbene la NATO dica che ci sono sei aree contaminate lungo la costa adriatica, Lannes afferma che questa è solo la punta dell’iceberg.

La NATO sta mentendo, 24 aree sono interessate, non sei, “ha detto. “La posizione di queste aree non è stata ancora resa pubblica. La popolazione viene tenuta all’oscuro.”

I ripetuti tentativi di Lannes di sollevare il problema in Italia con il Ministro della Difesa non hanno portato a nulla. Il portavoce militare Usa, colonnello Greg Julian, sostiene che l’esercito americano fa del suo meglio per eliminare tutte le armi pericolose a conclusione delle sue campagne militari.

“Noi facciamo tutto il possibile, prima di tutto, per rispettare il diritto ambientale quando eseguiamo qualsiasi operazione o esercitazione militare”, ha detto. “A seguito delle operazioni di lancio a mare, durante la campagna in Kosovo, abbiamo eseguito le operazioni di pulizia e fatto tutto il possibile per eliminare i pericoli”.

Tuttavia, Gianni Lannes ritiene che la NATO non abbia ancora ammesso le proprie reali responsabilità.

‘Ci deve essere un compenso economico per le popolazioni colpite “, ha dichiarato. “L’Europa, la NATO e, soprattutto, gli Stati Uniti devono essere ritenuti responsabili.”

 

 

Traduzione per Megachip a cura di Eliseo Nomulè; dal sito web di Eurasia

 
TrackBack Url: (I TrackBack sono moderati)
http://www.igredellemarche.org/dblog/tb.asp?id=120

 
Articoli correlati
Achtung: Mare mi-Nato. Sino a che punto atti criminali del genere rimarranno senza colpevoli? (33%)
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri 7 5 9 2 CAPTCHA Carica un nuovo codice
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
Link (Visibile nel Blog)

Email (Visibile solo dall'amministratore)

Salva i miei dati per futuri commenti
Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Cerca ne "I Gre delle Marche"

Cerca per parola chiave
 
 

AREE TEMATICHE

Biologia Marina (3)
Cereali - Centro Ricerche Alimentari (4)
chi siamo (3)
I Gre delle Marche (3)
il Borgo della Canapa (4)
la Città della Canapa (18)
le Cicogne le portano i bambini (5)
le DeCo Virtuose (2)
Libri (4)
News (120)

Ultimi commenti:
link del video di Pa...
13/04/2012 @ 05:46:49
Di Massimo
COMUNICATO STAMPA CO...
09/10/2010 @ 07:43:24
Di maurizio claroni
... se è per questo,...
08/02/2010 @ 19:13:22
Di Massimo
 
<
la lupa Selana

Guardate chi è passato davanti alla telecamera… è Selana, la lupa a cui tre settimane fa è stato applicato il collare satellitare. Si è subito ricongiunta al suo nucleo famigliare!!

Posted by Parco Nazionale dei Monti Sibillini on Venerdì 15 gennaio 2016
FINE
Pubblicazione
 

Sondaggio

Hai mai assaggiato prodotti a base di Canapa?

 No, mai. Non conosco alimenti a base di Canapa
 No, ma ne ho sentito parlare. Non mi interessano
 No, alla prima occasione sicuramente li assaggerò
 Sì, una volta ma non ho gradito
 Sì, mi sono piaciuti e appena possibile ripeterò l'esperienza
 Sì, Li ho trovati buoni e talvolta li acquisto
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente l'olio di semi di Canapa
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente le farine con cui preparo pane, pasta, dolci
 Praticamente la Canapa è entrata nella mia dieta; specialmente i semi di Canapa decorticati
 

Link

Fotografie

Agricoltura (1)
cicogne (12)

Le fotografie più cliccate
 
 
I Gre delle Marche: Sezione marchigiana dei "Gruppi di Ricerca Ecologica" - Associazione ambientalista a carattere nazionale, riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente, ai sensi dell'art.13 della Legge n. 349/86.
powered by dBlog CMS ® Open Source - Credits Design - Admin