\\ Home Page : Articolo : Stampa
Comunicato stampa - Morro d’Alba, 12 ottobre 2013
Di Admin (del 12/10/2013 @ 23:23:31, in News, linkato 1751 volte)
Si è svolta ieri, a Morro d’Alba, l’annunciata giornata dedicata alla Canapa. Un prodotto, per secoli, radicato nell’agricoltura marchigiana e del quale – durante il secolo scorso – si erano perse le tracce a causa della prepotente comparsa sul mercato di prodotti derivanti dal petrolio che, e non da oggi, abbiamo scoperto essere uno dei principali motivi di degrado del Pianeta sia sotto il profilo prettamente ecologico, sia sotto l’aspetto sociologico ed antropologico.
 
La plastica ha invaso i mercati e trasformato gran parte del mondo in discarica a cielo aperto con le conseguenze gravissime che tutti conosciamo. 
 
Le argomentazioni che hanno convinto l’amministrazione comunale di Morro d’Alba ad appoggiare l’iniziativa proposta dai giovani morresi, aderenti ai Gruppi di Ricerca Ecologica, e che ha avuta la collaborazione della locale Pro Loco che ha messo a disposizione le strutture, sono state sicuramente di carattere ecologico e corroborate da valutazioni di tipo economico e sociale. 
 
È stato dimostrato, infatti, che il prodotto ha in sé tutti gli elementi per innescare un virtuoso cambiamento sotto il profilo ecologico e sociale. 
 
La Canapa è un prodotto naturalmente Bio non necessitando di prodotti chimici e che addirittura migliora le condizioni del terreno in cui viene piantata.
Migliora l’aria divorando otto volte il CO2 rispetto a coltivazioni della stessa dimensione
Può assicurare, per i molteplici utilizzi per cui può essere impiegata, sviluppo economico eco-compatibile
 
Essa, potremmo dire, risiede ancora nella memoria dei marchigiani non giovanissimi che la coltivavano per l’impiego domestico quotidiano, di coloro che hanno visto – e rammentano – i loro genitori al lavoro per produrla e, soprattutto, dei giovani attenti – forse perché più bisognosi di risposte concrete all’incertezza dei nostri tempi.
 
Sia il convegno, sia la cena – infatti – è stata molto partecipata ed hanno coinvolto un target molto variegato per composizione sociale ed anagrafica. 
 
Il convegno è stato, volutamente, organizzato senza relatori e scalette rigide ed autoreferenziali che riconoscessero primogeniture di varia natura che non esistono – se non nella riconoscenza e gratitudine per il lavoro svolto ma che non possono e non dovranno irreggimentare lo sviluppo del tema che sta nascendo attorno al prodotto Canapa.
 
Hanno partecipato rappresentanti del mondo associativo degli agricoltori, amministratori locali, artigiani, commercianti e – elemento non trascurabile – operatori del settore finanziario e bancario che hanno il legittimo interesse ad operare in un contesto capace di innescare fenomeni in controtendenza con l’attuale momento di grave crisi del mondo del lavoro, particolarmente in ambito agricolo e giovanile. 
 
Si è svolto presso l’Auditorium di santa Teleucania che si è presentato gremito sia dai, pochi, operatori del settore, sia dai molti agricoltori ed artigiani interessati a capire meglio cosa potrebbe rappresentare la re-introduzione della coltura sotto il profilo economico ed occupazionale.
 
Un risultato, importante, è stato raggiunto: la conferma che l’argomento è attuale e potenzialmente molto interessante che, di questi tempi, poco non è.
 
La giornata si è conclusa nella tensostruttura messa a disposizione della Pro Loco di Morro d’Alba con una cena a base di prodotti realizzati con la Canapa preparati e serviti dai giovani di Morro d’Alba che hanno conquistato con la efficienza e – soprattutto fresca simpatia – i duecento ospiti che hanno voluto condividere l’evento. 
Tutto si è svolto nel migliore dei modi e la serata è trascorsa in assoluta serenità concludendosi intorno alla mezzanotte in un vero tripudio che manifesta il reale interesse verso una coltura che è cultura. 
 
È intenzione degli organizzatori, col supporto dell’amministrazione comunale, partire da ieri per un lungo e proficuo cammino in grado di offrire un contributo di cambiamento in grado di determinare uno sviluppo che partendo dall’ambito agricolo, interessi le attività produttive dal settore artigianale a quello turistico. 
 
Un altro modo è possibile. Parafrasando la celebre frase, nell’attesa di cambiare il mondo, i giovani morresi hanno voluto dimostrare, riuscendovi appieno, che è possibile immaginare un altro modo per creare lavoro nel solco della Tradizione che, è il loro motto, non può essere la mera reiterazione di ciò che si è sempre fatto ma dovrà essere la interpretazione, in chiave moderna, degli elementi costitutivi le tradizioni ricevute in eredità dalle generazioni precedenti. 
 
La giornata di ieri è la premessa ad una serie attività che, concertate con le istituzioni, non sarà una semplice kermesse, magari ripetuta annualmente ma diventerà lavoro quotidiano per una buona parte degli operatori economici del territorio.